giovedì 29 aprile 2010

Chi poco legge, poco pensa e… poco viaggia!

Leggere è come fare una escursione. Si può viaggiare in ogni direzione e conoscere luoghi nuovi e persone nuove. Leggere trascende il tempo e lo spazio dando l’opportunità di fare una conversazione con Il Piccolo Principe di A. De Saint Exupéry, di diventare amici di Dean e Sal viaggiando con loro per le strade dell’America e del Messico, di fare lunghe partite a tennis con Micòl e amici ne Il Giardino dei Finzi Contini, di conoscere personaggi altrimenti poco noti attraverso i libri che li riguardano, di sapere di più di eventi che hanno cambiato il corso della storia, di giocare ed insieme imparare a stare con gli altri... e di fare tanto altro ancora. Leggere è un privilegio degli essere umani. Nessuna altra creatura vivente possiede la stessa capacità. Se il desiderio di leggere esiste non è impossibile trovare dieci o venti minuti per farlo. Gli amanti della lettura utilizzano ogni momento libero per leggere: mentre viaggiano in treno, in metro, autobus, prima di andare a letto. Chi ha letto dei libri ed ha il gusto della lettura certamente si trova meglio di chi non ha li ha letti, perché leggere i libri è come laurearsi continuamente, come continuare ad andare avanti, a conoscere, a studiare… Se si ha il desiderio e la volontà di imparare qualcosa sicuramente si trovano preziosi gioielli in qualsiasi cosa che si legge. Per chi non è abituato a leggere e vuole iniziare a farlo, anche solo per semplice curiosità, può iniziare sempre in ogni momento…ne troverà di tutti i gusti.

di Mimmo Facchini