giovedì 3 marzo 2016

"LA DONNA COL MEDAGLIONE": un omaggio a mio nonno maresciallo dei Carabinieri in Sicilia

"LA DONNA COL MEDAGLIONE": un omaggio a mio nonno maresciallo dei Carabinieri in Sicilia nei primi anni del 1900 in ricordo del fatto di un telegramma particolare realmente ricevuto.

(Un giallo pubblicato da Cristian Cavinato della Cavinato Editore International)
 
Dalla Nota dell'autore:
«Il racconto è un omaggio a mio nonno che nei primi anni del 1900 prestò servizio in Sicilia come maresciallo dei Carabinieri in una Stazione di un piccolo paesino in provincia di Catania. Il ricordo degli episodi in cui mio nonno fu protagonista in quell’epoca si è tramandato attraverso i racconti di mio babbo. Io li rievoco in questo episodio per conservare la memoria delle persone che hanno fatto parte della mia famiglia perché occorre mantenere sempre vivo il ricordo di chi ci ha preceduto, di chi ci ha indicato la strada da seguire, di chi ci ha insegnato a ricordare per non dimenticare. Altre strade familiari mi hanno fatto conoscere questa splendida terra e talvolta mi sento anch’io un po’ siciliano. Ma non basta conoscere delle parole e ripetere delle frasi in dialetto per poterlo affermare, come non basta aver messo piede sull’isola e aver mangiato i fichi d’india per diventarlo perché da qualche parte ho letto che siciliani si nasce e non lo si diventa. Ho letto anche che essere ospite in Sicilia, dove l’ospitalità è sacra, è sicuramente la condizione migliore per godere di un privilegio riservato a pochi. Proprio per questo il personaggio del commissario Cantagallo, in punta di piedi, cerca ospitalità in questa splendida terra, dove trova l’ambientazione questo giallo particolare. Particolare perché ha preso origine da un fatto realmente accaduto a mio nonno quando era carabiniere: ricevette un telegramma uguale a quello menzionato nella storia. Per scrivere certi dialoghi in dialetto ‘nisseno’ ho fatto un po’ fatica, ma spero di esserci riuscito grazie all’aiuto di mia moglie, una siciliana ‘doc’ originaria della provincia di Caltanissetta. In questo racconto il commissario Cantagallo trascorre le ferie di settembre in Sicilia. I Cantagallo scendono abitualmente in Sicilia una volta all’anno per tornare al paese dove è nata la moglie del commissario. I personaggi, quando conversano in siciliano, parlano un dialetto nisseno tipico del paese di ‘Capobianco’, dove è appunto nata Iolanda. In questo racconto mi sono cimentato nei dialoghi in siciliano, solo per certi personaggi che non si sarebbero potuti esprimere in altro modo e senza voler competere con altri autori del genere giallo. Ho voluto così rendere un omaggio a un fazzoletto di quella magnifica regione che onora l’Italia per le sue terre ricche di valori, di tradizioni e di storia. Per questo all’inizio del racconto mi sono soffermato sui mosaici della Villa del Casale a Piazza Armerina: non potevo fare altrimenti. I mosaici di Villa del Casale sono stati dichiarati ‘Patrimonio dell’umanità dell’Unesco’. Secondo me, non è pensabile che un italiano voglia visitare un museo in capo al mondo solo per vedere un quadro straniero famosissimo, senza avere visto prima gli splendidi mosaici della Villa del Casale in Sicilia. Sempre per ricordare certe tradizioni, i riferimenti storici del barone di Occhiolà e della sua famiglia sono stati raccolti in alcuni documenti disponibili nella rete internet. Non mi dilungo oltre. Semmai mi piace precisare che questo giallo non è un racconto lungo, piuttosto preferirei definirlo come un "romanzo corto" perché mantiene intatte tutte le caratteristiche del romanzo lungo, solo accorciandole un po’. Anche qui il racconto trova la sua naturale collocazione in due piccoli paesi inventati chiamati ‘Capobianco’ e ‘San Rocco Etneo’ situati nel cuore della Sicilia. Concludo con un proverbio siciliano che piacerebbe anche al commissario Cantagallo per il personaggio del Calamera: “Mistura, mitticcinni na visazza, falla comu la vua, sempri è cucuzza!”, ovvero: “Se una persona ha un caratteraccio, puoi fare e dire qualsiasi cosa, ma non c’è niente da fare!”. Salutamo.»

Fabio Marazzoli

Nessun commento:

Posta un commento