sabato 6 gennaio 2018

Nuvole di parole: l'investigatore Tombolo

Il tempo nuvoloso perdura e sempre in tema di nuvole vi faccio vedere di nuovo che non tutte le nuvole sono piene d'acqua. In quella che anche qui vi propongo ci sono tantissime parole che però sono le considerazioni sulle caratteristiche dell'investigatore privato toscano Marino Tombolo che ha la sua agenzia investigativa a Spaccabellezze, in un paese di pescatori della Toscana del sud. 




L’investigatore privato Marino Tombolo era un uomo che chiedeva poco alla vita, preferiva dare piuttosto che ricevere: era fatto così. Era una persona che aveva poche pretese. Sapeva, per esperienza, che la vita regalava poco e chi pretendeva troppo rischiava di pagare a caro prezzo la sua pretesa. Non era comunque nemmeno un tipo che si lasciasse andare, anche perché dalle sue parti, con tutto quel mare grosso, avrebbe rischiato di affogare. A volte, in certe circostanze spinose e soprattutto non retribuite dai clienti dell’agenzia, preferiva superare le situazioni limitandosi a “galleggiare”, abbandonando la faccenda nelle proprie acque, non prendendo posizione e allontanandosi in sordina come una boa tirata verso la riva dalle onde del mare. Era un tipo molto attaccato ai soldi, ma non per questo si poteva dire che fosse avaro. Per Tombolo l’importante era risolvere i casi dei suoi clienti ed essere pagato per arrivare tranquillo alla fine del mese. Per lui non c’era spazio per l’eroe del quartiere, il benefattore delle vecchiette oppure il paladino dei poverelli, per quelle cose c’erano i Vigili urbani, la Pubblica Assistenza oppure il parroco del paese. 

Tombolo era combattuto fra il suo innamoramento di Rosella e la sua voglia di sposarla. Ma non ci riusciva. Ci aveva pensato un sacco di volte ma non gli era mai riuscito di vedersi nel ruolo di marito modello, preso come era dalle indagini del suo studio di investigazioni. Sempre in giro, di giorno e di notte: che marito sarebbe stato? Senz'altro poco presente e poco al fianco della sua bella Rossella. Rossella non gli aveva mai chiesto di sposarla direttamente, ma gli aveva sempre accennato questa eventualità ben sapendo quanto Tombolo non fosse stato convinto di fare il grande passo. Rossella era radiosa e solare, ispirava simpatia a prima vista e quando aveva Marino al fianco poteva sfidare il mondo intero. Innamoratissima persa pure lei, con poche certezze matrimoniali ma con la convinzione che prima o poi sarebbe riuscita a portare all’altare l’irremovibile Marino. Rossella lo convinceva per fare delle investigazioni extra senza essere pagato e lo avrebbe convinto, ne era sicura, perfino a sposarla. Come un grande mare spumeggiante che si preparava ad abbrancare un roccione, Rossella si organizzava per agguantare il recalcitrante Marino. Tombolo fino a quel momento resisteva alle impetuose ondate matrimoniali di Rossella, come un piccolo scoglio in mezzo al mare. Ma come poteva uno scoglio arginare un mare in tempesta?


Buone feste a tutti voi.

Ricordo, per i famosi distratti, che i nuovi gialli dell'investigatore Tombolo sono stati pubblicati da Cristian Cavinato della Cavinato Editore International di Brescia e potete trovarli in tutte le librerie online, in formato ebook e libro.

Buona lettura con i gialli dell'investigatore Tombolo.

I gialli di Tombolo sono in vendita anche su IBS in ebook e libro






Nuvole di parole: il commissario Cantagallo

Il tempo nuvoloso mi ispira e in tema di nuvole vi faccio vedere che non tutte le nuvole sono piene d'acqua. Per esempio quella che vi propongo non ha gocce d'acqua ma parole tratte dalle considerazioni del commissario Cantagallo a proposito di proverbi toscani (da lui preferiti) e frasi latine (amate dal Questore, suo capo). 


Il commissario Cantagallo ama i proverbi, con particolare interesse per quelli toscani, perché sono il frutto semplice della saggezza antica dei nostri nonni e fanno parte del patrimonio di una cultura popolare che non deve essere dimenticata. Non è assolutamente vero che parla in dialetto. Solo un piccolo accenno di dialetto, ma è nella natura umana di ogni toscano. È fermamente convinto che in ogni frase latina sia nascosto il vero significato delle cose, mentre in ogni proverbio si nasconde una piccola verità. Per il commissario, i proverbi sono stati ed sono ancora oggi la saggezza dei popoli. I proverbi fanno parte di un grande patrimonio, formato dal dialetto, dalla mentalità, dalle tradizioni popolari e tante altre cose ancora. In breve, da quella che può essere definita come la cultura popolare. Tale cultura è generalmente tramandata dagli uomini ai propri discendenti e per molti secoli i proverbi sono stati, probabilmente, l’unica scuola per decine di generazioni di nostri antenati. Attraverso di essi si tramandano le usanze, le abitudini, la visione del mondo, si comunicavano le regole della morale e del comportamento nella vita di tutti i giorni. I proverbi, spesso, sono utilizzati, in senso umoristico, per indicare certi caratteri umani e molte volte con il loro utilizzo si sanciscono delle vere e proprie consuetudini di vita sociale che finiscono per diventare costume. I proverbi contengono i consigli più disparati su qualsiasi argomento e per qualsiasi circostanza della vita. I proverbi e certe espressioni verbali permettono di comprendere molti aspetti del carattere e della storia non scritta dei nostri vecchi. Attraverso i proverbi e i modi di dire, si riesce a scoprire il volto più autentico dei nostri antenati. Si può capire meglio, le ragioni di molti nostri modi di essere e della nostra identità di popolo, con comportamenti particolari che ben identificano e che differenziano gli abitanti diversi dei paesi vicini. Per tutte queste ragioni, per il commissario Cantagallo i proverbi sono un patrimonio culturale di tutti e devono essere salvaguardati. La citazione latina, per Cantagallo, appartiene al passato, non appartiene al modo di parlare della gente comune. Manifesta una sorta di distacco con le persone semplici e umili, segna la distanza fra “il dire” e “il fare”. Rappresenta, per certi personaggi incompetenti, l’ultimo baluardo per giustificare un nulla di fatto, per offuscare un fatto evidente, per rendere fumosa una spiegazione che non esiste. 


Buone feste a tutti voi.

Ricordo, per i famosi distratti, che i nuovi gialli del commissario Cantagallo sono stati pubblicati da Cristian Cavinato della Cavinato Editore International di Brescia e potete trovarli in tutte le librerie online, in formato ebook e libro.

Buona lettura con i gialli del commissario Cantagallo.

I gialli di Cantagallo sono in vendita anche su IBS in ebook e libro


Un giallo che crea l'atmosfera

Puntuale come tutti gli anni è arrivato l'inverno. Si fa vedere anche qui da noi, con piogge, vento e temperature che invitano a passare in casa qualche ora in più al caldo, semmai sotto una bella coperta. L'inverno annuncia il nuovo anno che è iniziato da qualche giorno e che proprio oggi festeggia la festività della Befana. La giornata è ricca di tradizione e di mistero soprattutto per quello che riguarda l'origine della persona più famosa che vola su una scopa, alla faccia di Harry Potter e compagni. 

Però, a volte, per volare - con la fantasia - non occorre una scopa o un altro marchingegno, basta poco: un angolo tranquillo, un comodo divano e un buon libro che crea l'atmosfera giusta. Un po' come ha fatto la signorina della foto.    

Voi cosa aspettate? Fra un saldo e un altro, fate un salto online e andate in una libreria per scegliere il vostro libro, anche in ebook. 
Io, se lo accettate, vi posso dare (guarda caso!) un consiglio. 
Vi assicuro che scegliendo i gialli di Cantagallo troverete tutto quello che vi occorre per trascorrere momenti di assoluto relax: soddisfatti o rimborsati. 
E ricordatevi che un maglione è sempre un maglione e poi va a finire in fondo al cassettone, mentre un bel giallo nella vostra libreria farà sempre un figurone.   
Quindi: google.it, IBS libri fabio marazzoli, cerca 
 
Buone feste a tutti voi.
 Ricordo che i nuovi gialli del commissario Cantagallo sono stati pubblicati da Cristian Cavinato della Cavinato Editore International di Brescia e potete trovarli in tutte le librerie online, in formato ebook e libro.

Buona lettura con i gialli del commissario Cantagallo.

I gialli di Cantagallo sono in vendita anche su IBS in ebook e libro
 https://www.ibs.it/libri/autori/Fabio%20Marazzoli 


sabato 16 dicembre 2017

IL NATALE SI VESTE DI GIALLO CON LE INDAGINI DI CANTAGALLO



In questa bella mattina solare - almeno qui in Toscana - vi propongo il booktrailer natalizio delle indagini del commissario Cantagallo. 

Il booktrailer di Natale 2017 presenta i gialli della nuova serie del commissario Cantagallo dell'autore me medesimo - per chi fosse un po' distratto - che sono stati pubblicati da Cristian Cavinato della Casa editrice Cavinato Editore International di Brescia. Tutto questo in collaborazione per il progetto grafico con Lello Lucignano della Casa editrice LFA Editore di Caivano per i libri cartacei e con Silvia Mezzanotte editor freelance per gli ebook. 

Buona visione a tutti voi. 


  

domenica 3 dicembre 2017

Un bravo enigmista: l'investigatore Tombolo


Casi da risolvere e definizioni da conoscere




L'investigatore Tombolo prima di risolvere i casi della sua agenzia investigativa deve sbrogliare anche i problemi che affliggono la sua amica-fidanzata Rossella, sempre alle prese con la soluzione degli Incroci obbligati della Settimana Enigmistica. Tombolo oltre ad essere un grande investigatore, detective come dice lui, è anche un uomo di grande cultura che riesce sempre a fornire alla sua bella le parole che cerca nelle parole crociate. Stavolta però Rossella lo ha chiamato nel bel mezzo della notte e il suo umore non è proprio quello giusto per risolvere i problemi enigmistici della sua bella innamorata.  In questa occasione farà finta di non sapere certe cose perché è troppo stanco e perché sa che l'indomani dovrà scervellarsi per venire a capo di un intrecciato delitto.

Quello che segue è un estratto dal giallo dell’investigatore Tombolo, il nuovo personaggio creato da Fabio Marazzoli per i gialli che dal 2016 sono stati pubblicati da Cristian Cavinato della Cavinato Editore International di Brescia. Il giallo "ZAMPA DI GATTO, CODA DI MANTA E CORNA DI GAZZELLA" è la prima investigazione di Tombolo e si svolge a Spaccabellezze, un pittoresco paesino di pescatori della Toscana del sud.
Buona lettura!





In quel preciso istante squillò il telefonino appoggiato sul comodino. Guardò il display.
“Rossella”
    Pigiò il pulsante verde un po’ allarmato.
    «Pronto! Rossella!».
    «”Il disegnatore usa quello doppio”».
    «Ma cosa vuoi che sappia…».
    «”Mettere qualcosa sotto i denti”».
    «Mangiare».
    «Bravo, forse va bene. Quella è la tua specialità». 
    «”Contiene pompe e rastrelli”».
    «Casotto».
    «Può darsi, ma non so se ci sta. Anche quella è una specialità delle tue, soprattutto quando ti metti all’opera con le investigazioni della tua agenzia». 
    Ci fu una lunga pausa.
    «”Lo è un affare che preoccupa”».
    «Non lo so. Basta, Rossella con questo Incrocio! Tutto bene?».
    «Sì, Marino caro, batuffolone bello».
    «E non mi chiamare batuffolone! Tutto a posto?».     
    «Tutto a posto, tutto a posto. Altrimenti non sarei qui a scervellarmi con questo Incrocio. Lo volevo finire perché quell’antipatico del dottor Purgato l’avrà già fatto e domani mattina mi attenderà con quel suo sorrisetto strafottente per sapere se l’ho finito anch’io».
    «Rossella, la vuoi smettere di perder tempo con quel gastroenterologo da strapazzo che lavora con te!».
    «Non rompere, Marino. Mi diverto a fare le gare con lui!».
    «Ti sembra l’ora di chiamare?!».
    «Scusa. Niente, ma non riuscivo proprio a prendere sonno».
    «Anch’io».
    «Ti ho chiamato, tanto immaginavo che con questo caldo fossi sveglio anche tu».
    «Sarà più di un’ora che mi rigiro nel letto. Alla fine mi sono arreso e stavo per andare in terrazza a prendere un po’ di fresco».
    «Ti ho pensato».  
    «Ti sei fatta il solito thè verde freddo?».
    «Non cambiare discorso, simpaticone. Tu mi hai pensato?».
    «Ti ho pensato, ti ho pensato. Di sicuro ti ho pensato, ma non farti illusioni».
    «Illudermi io? Ormai c’ho fatto il callo! Mi sono innamorata di una specie di orso marino spelacchiato in estinzione e che non è nemmeno tutelato dal wwf. Vuoi che ti faccia entrare nella mia oasi? Ti devi riprodurre con una femmina della tua specie, altrimenti: puf!, quando meno te lo aspetti, un bel coccolone e chi s’è visto s’è visto, tanti saluti e baci, condoglianze alla bella vedova». 
    «Intanto, anche senza wwf, le prove di riproduzione procedono abbastanza bene, a quel che mi ricordo».
    «Appunto a quello che ti ricordi e che risale alla settimana scorsa».
 




I gialli di Tombolo sono in vendita anche su IBS in formato ebook e libro

       Buona lettura con i gialli dell’investigatore Tombolo.